Verso una comunità di persone

L'idea del progetto #VAI sviluppato nell'Ambito Territoriale di Garbagnate nasce a causa della recessione economica, che ha aumentato i nuclei familiari e i singoli individui definiti “vulnerabili” che presentano cioè crescenti fatiche sotto vari profili: mantenimento o accesso all’abitazione, difficoltà occupazionale, adeguata cura e crescita dei familiari più deboli. Tali problematiche si sviluppano in contesti caratterizzati dall’indebolimento dei legami familiari e delle reti sociali che rendono ancor più fragile la capacità delle persone di fronteggiare la crisi.
L’Ambito Territoriale del garbagnatese è ormai da tempo attivo – in un’ottica di contrasto e prevenzione – sul fronte della vulnerabilità. Il progetto #VAI è nato proprio in risposta alle nuove fragilità e all’inadeguatezza dell’attuale sistema di welfare di far fronte a questa nuova situazione. Inadeguatezza che si esprime soprattutto nell’incapacità di intercettare gran parte della domanda sociale, nella frammentazione degli interventi e dei soggetti che intervengono localmente e nella mancanza di valorizzazione delle risorse comunitarie e di quanto generabile in termini di sostegno e prossimità grazie ai legami sociali che possono nascere ed essere sostenuti nelle comunità locali.

Le azioni

Le azioni messe in campo per perseguire gli obiettivi di miglioramento e per superare i limiti del welfare tradizionale in chiave trasformativa si sviluppano lungo tre linee di attività:
Consumo sostenibile e sostegno alimentare attraverso la realizzazione di un “Emporio solidale” e la realizzazione di iniziative su riciclo, riuso, baratto e recupero alimentare
Sostegno abitativo: supportare le persone che si trovano in situazioni di indebitamento e che non hanno accesso a opportunità di credito, a percorsi di rientro dal debito, di attivazione e responsabilizzazione e di acquisizione di competenze nella miglior gestione del proprio bilancio famigliare
Attivazione comunitaria (percorsi di comunità, emissione del bando di comunità “Generare Legami”, accompagnamento progettuale e monitoraggio): per promuovere luoghi e capacità diffuse di riconoscimento della vulnerabilità, attivazione di legami e reti sociali solidali e creazione di opportunità, anche promosse dagli stessi cittadini, di risparmio, cambiamento degli stili di consumo e promozione di percorsi di autonomia attraverso azioni di microcredito.
Ente capofila: Azienda Speciale Consortile Comuni Insieme per lo Sviluppo Sociale

Partner: Il Grafo Società Cooperativa Sociale; Dike Cooperativa Sociale; Associazione La Rotonda; Koinè Cooperativa Sociale; A77 Cooperativa Sociale; Spazio Giovani Onlus; Intrecci Società Cooperativa Sociale.

Rete: al progetto hanno aderito tutti i Comuni dell’Ambito, Caritas Ambrosiana, Decanale e Caritas territoriali; Fondazione Comunitaria Nord Milano; Cooperative e associazioni del territorio; soggetti profit della ristorazione; cooperative edificatrici; istituti comprensivi scolastici; Assolombarda e numerose aziende profit

Territorio di riferimento: Ambito Territoriale di Garbagnate Milanese. Comuni di: Baranzate, Bollate, Cesate, Garbagnate Milanese, Novate Milanese, Paderno Dugnano, Senago e Solaro. Numero complessivo di abitanti: 191.663


Cosa abbiamo fatto

Nell’ambito del progetto #VAI, ci siamo impegnati in azioni di consumo sostenibile, organizzando due eventi swap sul territorio di Novate (baratto bigiotteria e materiali sportivi) e di attivazione comunitaria.
In particolare, sul fronte di attivazione comunitaria, dopo la pubblicazione ufficiale del bando “Generare Legami” avvenuta il 30 luglio 2016 e la scelta di 14 progetti vincenti, a partire dal 2017 Koinè ha svolto azioni di accompagnamento e di monitoraggio di quattro gruppi di cittadini (tre novatesi e un quarto di Paderno Dugnano).
Gli operatori hanno ragionato insieme ai cittadini sul concetto di vulnerabilità e su come fare lavoro di comunità, su come ascoltare i reali bisogni dei contesti che si abitano quotidianamente e quali strategie mettere in atto per coinvolgere attivamente altri cittadini nei propri progetti. Questa collaborazione ha generato movimenti interessanti sul territorio e occasioni arricchenti per tutta la cittadinanza.

Cosa è nato dal lavoro dei gruppi
Gruppo “C’è posto anche per te”: ha organizzato momenti di aggregazione nel quartiere di Via Monte Rosa a Novate Milanese, intercettando e coinvolgendo attivamente quegli abitanti che non partecipano alla vita del quartiere e che per diversi motivi vivono in stato di isolamento sociale. Grigliate e cene regionali, letture animate per i bambini, conferenze, danze e tanto altro ancora.
Gruppo “Via Vai” che sta compiendo un lavoro di riqualificazione degli spazi della zona periferica “area mercato” di Novate Milanese, ha portato eventi culturali di un certo spessore quali ciclostaffetta itinerante “Dove la cultura è testimone” (ospiti Salvatore Borsellino e Ivan ma anche momenti conviviali dedicati alle famiglie ed eventi musicali.
Gruppo “Ma dove vai?” si è attivato nell’area del riuso e dell’economia sostenibile, attraverso la promozione di laboratori aperti a tutti di riciclo in cucina, ciclofficina, piccolo cucito e momenti di baratto (giochi, libri, accessori, piccoli elettrodomestici). L’obiettivo è diffondere buone pratiche di risparmio collettivo e contemporaneamente facilitare la costruzione di legami sociali tra le persone.
Gruppo “Villaggio Condiviso” dopo un paziente lavoro di rete, ha costruito nel quartiere Villaggio Ambrosiano di Paderno Dugnano una serie di eventi destinati a giovani e famiglie. In questi mesi sono stati organizzati momenti conviviali, letture e spettacoli teatrali per bambini, tornei sportivi e anche un contest di graffiti per riqualificare la pensilina del tram in quartiere.

Durata del progetto: 2016-2019

LEGGI LE NEWS SUL PROGETTO:

  • Nuovo bando del progetto #VAI
    Sono disponibili dei fondi per finanziare nuove idee per attivare la comunità, nel territorio del garbagnatese, grazie al  progetto triennale #VAI, di cui è capofila l’Azienda […]
  • baratto
    Scambiare al posto di buttare
    Si sa, l’erba del vicino è sempre più verde. Anche quando si tratta di bigiotteria. E allora perché non scambiare collane, bracciali, anelli e monili vari […]