21 marzo 2021 XXVI Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti

lead asilo liscate
Asili nido aperti con i Legami Educativi a Distanza
20 Marzo 2021
torrente lura
Uniti per Natura lungo il torrente Lura
22 Marzo 2021
Mostra tutto

21 marzo 2021 XXVI Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti

elencovittime mafia

In occasione del 21 marzo, Giornata nazionale della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie sono moltele iniziative sul territorio per ricordare l’importanza della legalità,riunite per la ventiseiesima giornata.

Il 21 marzo è un momento di riflessione, approfondimento e di incontro, di relazioni vive e di testimonianze attorno ai familiari delle vittime innocenti delle mafie, persone che hanno subito una grande lacerazione che noi tutti possiamo contribuire a ricucire, costruendo insieme una memoria comune a partire dalle storie di quelle vittime. È una giornata di arrivo e ripartenza per il nostro agire al fine di porre al centro della riflessione collettiva la vittima come persona e il diritto fondamentale e primario alla verità, diritto che appartiene alla persona vittima, ai familiari della stessa, ma anche a noi tutti. È altresì il momento in cui dare spazio alla denuncia della presenza delle organizzazioni criminali mafiose e delle connivenze con politica, economia e massoneria deviate.

Leggere i nomi delle vittime, scandirli con cura, è un modo per far rivivere quegli uomini e quelle donne, bambini e bambine, per non far morire le idee testimoniate, l’esempio di chi ha combattuto le mafie a viso aperto e non ha ceduto alle minacce e ai ricatti che gli imponevano di derogare dal proprio dovere professionale e civile, ma anche le vite di chi, suo malgrado, si è ritrovato nella traiettoria di una pallottola o vittima di potenti esplosivi diretti ad altri. Storie pulsanti di vita, di passioni, di sacrifici, di amore per il bene comune e di affermazione di diritti e di libertà negate. – dal sito di Libera – A ricordare e riveder le stelle è lo slogan scelto per questo 21 marzo. Uno slogan composito, che racchiude molti significati.

Ecco come abbiamo contribuito:

CORNAREDO

Il Comune di Cornaredo (Mi), in collaborazione con Avviso Pubblico, Libera, il Centro di Protagonismo Giovanile con il coordinamento della Cooperativa sociale Koinè, Anpi sezione Giulia Lombardi di Cornaredo e Settimo Milanese, il Comitato Intercomunale per la Pace, promuove una serie di video per raccontare l’impegno per la legalità.

Le ragazze, i ragazzi e gli educatori del Centro di protagonismo giovanile di Cornaredo ha prodotto questo video per riflettere sulla legalità:

L’impegno delle ragazze e dei ragazzi di Cornaredo sul tema della giustizia e della legalità non nasce ora, leggi le altre attività che hanno organizzato grazie al lavoro dei nostri educatori e al supporto del Comune.

PREGNANA MILANESE

L’edizione 2021 della XXVI Giornata della memoria e dell’impegno è dedicata ai luoghi di cultura, ai presidi antimafia e anticorruzione, proprio quella cultura che la pandemia sta mettendo a dura prova e sta mettendo ai margini, ma che crediamo sarà valore determinate per la ripresa e per la ricostruzione del tessuto sociale, perché unico fattore capace di risvegliare le coscienze, la partecipazione e la responsabilità allo scopo di generare una società giusta, pacifica ed inclusiva.
Il luogo di cultura che abbiamo scelto come simbolo del nostro territorio per questa giornata di memoria e impegno di resistenza alle mafie è L’Asilo Nido comunale L’Arca dei Bebè gestito da Koiné, una casa privata sequestrata alla mafia che si è trasformato dal 2003 in un nido, un nido che diventa casa della comunità territoriale ogni giorno, luogo di rigenerazione, di speranza e di futuro, luogo da cui alla fine riusciremo a riveder le stelle…

BUSSERO

elencovittime mafia
Da 5 anni sindaci, associazioni e cittadini della Martesana si ritrovano a Bussero per leggerne i nomi delle vittime della mafia. Vista l’emergenza, quest’anno, non è possibile farlo, per aiutarci a non dimenticare il centro di aggregazione giovanile il Geko ha chiesto ai ragazzi di fare una foto con un cartello con scritti 10 nomi di vittime di mafia, taggando poi altre 10 persone per continuare la catena sui social facebook e instagram