Koinè insieme ad altre realtà non profit e ai Comuni di Novate Milanese e Paderno Dugnano, hanno realizzato nel 2016 il progetto “Il gioco è bello se non nuoce” con l’intento di prevenire e contrastare i fenomeni di dipendenza dal gioco d’azzardo lecito tutelando le fasce fragili della popolazione, in particolare giovani e anziani.
Il progetto’Il gioco è bello se non nuoce’  ha coinvolto gli otto comuni dell’ambito distrettuale del Garbagnatese con un focus particolare sui comuni di Novate Milanese e Paderno Dugnano.

Gli interventi sono stati numerosi, in particolare si realizzano sul territorio, incontri-laboratorio rivolti a gruppi di persone che, sensibilizzate al tema, approfondiscono le conoscenze sul fenomeno, la capacità di intercettare le situazioni a rischio e che speriamo vorranno sostenere stabilmente e nel tempo la scelta “No slot”.Il video proposto è stati realizzato grazie al progetto.

Il gioco d’azzardo patologico si manifesta quando l’impulso a giocare si fa persistente, e diventa difficile porvi dei limiti, diventando quindi una vera e propria malattia.
Il giocatore patologico è colui che gioca più denaro di altri, più a lungo e più spesso di quanto lui stesso abbia previsto e soprattutto più di quanto si può permettere. E ciò accade perché ha perso la capacità di controllarsi.

In tal senso, è fondamentale agire sia sulla prevenzione che sull’informazione.