Perchè sostenere la comunità la Tillanzia

genitori in gioco
Il progetto pedagogico nei nidi
11 dicembre 2017
fare l'orto contro lo spreco
Dal campo al piatto: Percorsi di scoperta agro-alimentare nel Basso Olona
18 dicembre 2017
Mostra tutto

Perchè sostenere la comunità la Tillanzia

don colmegna e paola radaelli
Accompagnare le ospiti in un percorso verso l'autonomia, attraverso il lavoro, la casa, la scuola, così che le donne e i bambini accolti possano riprendere serenamente un cammino personale e familiare, che magari si era interrotto a causa di difficoltà economiche o fragilità: è questo lo scopo della comunità della Tillanzia, che abbiamo deciso di sostenere, come ci ha spiegato Luisa la coordinatrice del progetto che siamo andate a trovare qualche giorno fa. .

Per ora la comunità, nata grazie all’impegno della Fondazione Casa della carità e ospitata negli spazi della Congregazione delle Suore del Preziosissimo Sangue di Gesù a Milano, accoglie tre donne e cinque bambini sotto i dieci anni segnalati dai Servizi Sociali, ma sono già molte le richieste che arrivano e diventa sempre più urgente arredare altre stanze e gli spazi comuni, per poterle accogliere.
L’aspetto culturale di creazione di coesione sociale sul territorio è per noi prioritario e ci sembra che questo progetto lo rappresenti. Non è un progetto di assistenzialismo ma di reciprocità e trasparenza

Don Virginio Colmegna Presidente della Fondazione Casa della carità

Parole queste in cui anche Koinè si riconosce.
Far crescere la cultura del dono all’interno di Koinè, rivolgendoci a una realtà esterna che incrocia le priorità della cooperativa, ovvero lavorare per e con le famiglie e i bambini, è il motivo che ci ha fatto scegliere di sostenere proprio questo progetto e che ci spinge a chiedere a tutti i soci, le famiglie e i singoli che frequentano i nostri servizi di fare una donazione per raggiungere l’obiettivo di raccogliere 2.000 euro necessari ad arredare una stanza.

Paola Radaelli presidente Koinè ha ricordato l’importanza della cultura del dono, e ha, in questo periodo natalizio, rinnovato l’appello a donare quanto possibile a chi oggi attraversa u momento difficile e ha bisogno di aiuto e di sostegno nel percorso verso una nuova l’autonomia.
Questo in assoluta trasparenza, forti anche del fatto che Koinè aderisce all’Istituto Italiano della Donazione e ai suoi principi etici e di trasparenza perchè è un dovere della cooperativa utilizzare in modo “efficace ed efficiente” le risorse.
La somma raccolta nella campagna di raccolta fondi del Natale 2016, è stata utilizzata a sostegno dell’importante lavoro di formazione e supervisione che Koiné ha promosso per introdurre l’educazione emotiva nella progettazione di tutti i nostri asili nido.
Gli 810 euro raccolti, infatti, sono stati destinati nel 2017 ad attivare una serata sul tema delle emozioni aperta a tutte le famiglie del territorio, in collaborazione con il comitato genitori di Vimodrone, e a potenziare il percorso formativo sulla socializzazione emotiva dei bambini rivolto alle educatrici di Koiné.

Nelle foto di questa pagina si possono vedere gli spazi comuni della comunità della Tillanzia nell'Istituto delle Suore del Preziosissimo Sangue di Gesù: una stanza arredata, la stanza vuota che vorremmo arredare con i fondi raccolti, il lungo corridoio con le 19 stanze che attendono di essere occupate.
Si vede inoltre la Fondazione Casa della carità, a Crescenzago, con don Colmegna che presenta a Paola Radaelli la biblioteca della Casa della carità che fa parte del Sistema bibliotecario del Comune di Milano e che è aperta ai cittadini del quartiere oltre che agli ospiti della casa.

La casa della carità

La Fondazione Casa della carità "Angelo Abriani" nasce nel 2002 per iniziativa dell’allora Arcivescovo di Milano, il cardinale Carlo Maria Martini, che ha voluto destinare l’importante somma ricevuta come lascito dall’imprenditore Angelo Abriani all’apertura di una struttura d’accoglienza per le persone più bisognose. Grazie all’immobile messo a disposizione dal Comune di Milano e adeguatamente ristrutturato, il 24 novembre 2004, alla presenza di Martini, dell’Arcivescovo Dionigi Tettamanzi, del sindaco Gabriele Albertini e del presidente della Fondazione don Virginio Colmegna, viene inaugurata la sede della Casa della carità in via Francesco Brambilla nel quartiere di Crescenzago, periferia nord-est di Milano.

Anche tu puoi partecipare

tante stanze da riempire

stanze da riempire


Luisa, Francesca e Paola a La Tillanzia

Luisa racconta la Tillanzia


stanza a la tillanzia

stanza da arredare


casa-della-carita

la casa della carità