socializzazione
Gruppo gioco e spazio socializzazione
1 Luglio 2017
mani che giocano
Agosto al nido di Vimodrone
14 Luglio 2017
Mostra tutto

Pet terapy all’asilo nido

cane e bambino

Nell’asilo nido comunale la “Porta azzurra” di Calusco d’Adda, i bambini che lo frequentano hanno degli amici speciali:  due pappagalli, Sara e Michele, e alcuni pesci rossi. Durante l’anno i bambini prendono cura con le educatrici dei loro amici animali.

Dall’anno educativo 2015/16 l’asilo nido organizza, all’interno del progetto educativo, degli incontri di Pet terapy per tutti i 30 bambini dai 7 ai 36 mesi che frequentano la struttura, in collaborazione con l’associazione L’Altromondo  Onlus.

Il progetto articolato in quattro incontri  ha una grande valenza educativa, educa alla “diversità”.

Il mondo animale è affascinante per i bambini e relazionarsi con loro, avvicinarsi con rispetto ad altre creature diverse da me, osservare le loro reazioni permette di scoprire la delicatezza e l’importanza del rispetto, fattori che si ritrovano nelle relazioni quotidiane.

Entrare in contatto con il cane, accarezzarlo, spazzolarlo, dargli da bere a da mangiare, sono gesti che aiutano il superamento di emozioni particolari quali la timidezza, il timore e la paura, ma anche l’irruenza e l’euforia.

Inoltre sostengono i processi di crescita e aiutano a superare i periodi di cambiamento  tipici di quest’età  (la nascita del fratellino, il passaggio al vasino, togliere il ciuccio).

Il percorso coinvolge 4-5 bambini per mezz’ora, con due cani e due terapisti ed è realizzato considerando le competenze e le emozioni di ogni bambino:

  • contatto con il cane attraverso la comunicazione verbale e non verbale, i gesti di cura e di affetto; i più piccoli si avvicinano al cane, lo toccano, lo accarezzano, se non riescono a superare i timori usando la mediazione di una spazzola, mentre i più grandi si prendono cura di loro;
  • proposte ludico ricreative tra bambini più grandi e il cane; giocare con il cane, tirare la pallina, farlo saltare, cercare i bocconcini nascosti, portarlo al guinzaglio.. sono gesti ed interazioni basate sul reciproco rispetto

I bambini più grandi sono esortati a ricordare alcune semplici regole, come non tirare la coda, le orecchie o il pelo, non urlare,… regole semplici che aiutano l’acquisizione di comportamenti sociali basati sul rispetto dell’altro.

I cani che partecipano a queste attività hanno alcune caratteristiche specifiche:

– sono adeguatamente preparati e testati, affidabili e sotto il controllo del conduttore
– sono particolarmente favorevoli al contatto con le persone, e svolgano queste attività  perché sono predisposti a farlo e non perché costretti
– sono in condizioni igieniche e di salute ottimali.