Cerchiamo maker 3D per proteggere il personale sanitario

io resto a casa passi piccoli
Passi Piccoli arriva a casa
26 Marzo 2020
Solidarietà alle comunità più colpite dall’epidemia
31 Marzo 2020
Mostra tutto

Cerchiamo maker 3D per proteggere il personale sanitario

yatta! shield19

Digitalo e FABLABlodi cercano maker per realizzare il progetto open source di YATTA! SHIELD19 – UNA MASCHERA PROTETTIVA DAL COVID-19 OPEN SOURCE per proteggere chi ci protegge, ovvero il personale sanitario.

SHIELD19 è una protezione per il viso stampata in 3D per operatori sanitari e tutti coloro che per lavorano si trovano a stretto contatto con potenziali portatori di virus o condizioni di salute anche estreme.

SHIELD19 è da usare in aggiunta (non in alternativa) ad altri sistemi di protezione pensati per le vie aeree. Ha la funzione principale di proteggere il viso dall’aerosol generato da starnuti, violenti colpi di tosse o da schizzi di sudore.

SHIELD19 è un dispositivo da utilizzare solo in casi di emergenza estrema, come nelle circostanze generate dalla pandemia da Covid-19, come ulteriore risorsa di protezione in un momento di scarsa disponibilità di prodotti specifici.

Estendiamo l’appello di YATTA! per diffondere l’iniziativa laddove ce ne possa essere bisogno e per chiamare all’appello coloro che, dotati di stampante 3d, vogliano mettersi al servizio della collettivia.

Cerchiamo quindi maker che con la stampante 3D di casa vogliano produrre a casa queste protezioni o aziende che vogliano mettersi a disposizione, contattando YATTA!

KIT CON LE ISTRUZIONI

* KIT di PRESENTAZIONE, MATERIALI PER LA STAMPA3D E MANUALE TECNICO // Italiano
* PRESENTATION KIT, 3D PRINTING MATERIALS AND TECHNICAL MANUAL // English

PROGETTO DIGITALO

L’idea della stampa 3D della protezione Shield19  nasce da YATTA! , partner del progetto  Digitalo, il Polo per l’Innovazione Digitale del Lodigiano  nato a Lodi, di cui siamo anche noi partner, che propone corsi di formazione,  eventi, un fablab e uno spazio di coworking. Digita.lo promuove nel territorio lodigiano la cultura del digitale, favorendo l’emergere della creatività giovanile e garantendo occasioni di apprendimento permanente per sostenere l’occupazione e contrastare la disoccupazione e la dispersione scolastica.