La biodiversità è la più bella forma d’arte del mondo

videoconsulenze koinè
Comunicazione digitale punto di forza nella nuova normalità
5 Maggio 2020
materiale scolastico emporio
Emporio della solidarietà di Garbagnate
26 Maggio 2020
Mostra tutto

La biodiversità è la più bella forma d’arte del mondo

ibis eremita

‘La biodiversità è la più bella forma d’arte del mondo’ sintetizza così Francesca di 11 anni il senso della giornata mondiale dedicata alla biodiversità che cade il 22 maggio di ogni anno e anticipa domenica  24 maggio sarà la Giornata europea dei Parchi che per questa edizione ha scelto il tema “parchi in salute, persone in salute” #Parksforhealth  .  Francesca, come Gabriele, Sofia, Natalia, Linda, Michele, Alessandro, Giulia, Andrea, Priyankara, Chiara hanno seguito durante l’anno le attività di educazione ambientale e scritto in breve cosa è per loro la biodiversità e lo raccontano in un breve video realizzato per festeggiare la biodiversità dal Centro Biodiversità del Parco Lura, l’Aula Verde e Centro Visite del Parco Lura, nato con l’obiettivo di far conoscere più da vicino la ricca biodiversità che caratterizza il parco.

In  occasione della giornata europea dei parchi inoltre gli educatori di Koinè cooperativa sociale che lavorano al Centro Biodiversità del Parco Lura Antonella, Elisa, Erica, Matteo, Milena, Shirley, Silvia e Zeno hanno realizzato un video per salutare tutte le bambine, i bambini, le ragazze, i ragazzi, i genitori, i fotografi che in queste settimane hanno partecipato alle tante attività online organizzate per il parco Lura, dando l’appuntamento a tutti al più presto, appena sarà possibile. Il video andrà ad arricchire la pagina Facebook del Centro biodiversità, pagina che ha trasferito online molte delle attività. Studenti, famiglie e visitatori hanno apprezzato l’attività svolta e i follower della pagina sono passati da circa 800 di inizio anno a quasi 1.200 di oggi.

Di seguito il video e i vari progetti lanciati in queste settimane:

LA NATURA VISTA DA CASA

Si conclude questa settimana la challenge fotografica del Parco Lura che sulla pagina Facebook @centrobioparcolura e sul profilo Instagram ha lanciato dal 23 marzo scorso ben 8 sfide, dalla natura che si sveglia, alle forme e le simmetrie per finire con i disegni nel cielo che chiudono il ciclo. Sono circa 500 le foto che sono arrivate fino ad ora che raccontano la grande biodiversità presente nell’ambiente anche dei nostri balconi e giardini. Tutte le foto sono state raccolte e pubblicate sulla pagina Facebook.

LE ESPLORAZIONI DI LORY

Lory è la protagonista di una serie di video-storie per bambini e ragazzi alla  guida alla scoperta degli insetti, dei fiori e delle tante forme di vita che possiamo scovare nel nostro giardino o sul balcone di casa. Lory ha la voce narrante di una delle educatrici di educazione ambientale della cooperativa sociale Koinè che lavorano per il Centro Biodiversità del Parco Lura a Lomazzo.
Alla fine di ogni video Lory chiede di continuare a seguire la pagina facebook e di inviare una foto e un disegno delle esplorazioni a   centrobiolura@koinecoopsociale.it 

Tutti i video sono raccolti su Youtube nella playlist dedicata a #aluraparcolura

BIOBLIZ 2020, COME E’ ANDATA

Nel territorio del Parco Lura sono state caricate 141 osservazioni per un totale di 115 specie per la quinta edizione del BioBlitzLombardia 2020: l’evento di educazione naturalistica e scientifica delle aree protette lombarde realizzato per la prima volta in maniera virtuale da casa e non sul campo, ha offerto la possibilità a molte persone di vedere con uno sguardo più attento quello che normalmente abbiamo sotto gli occhi.

A queste si aggiungono, oltre allo Sparviere fotografato in Via Roma a Saronno, la presenza a Rovello Porro dell‘Ibis eremita, specie migratrice estinta in Europa dal XVII secolo e ora al centro di un programma europeo di reintroduzione (LIFE+ Biodiversità), con partner in Italia, Austria e Germania (foto di Maddalena, Michele, Gabriele Meroni).

Sabato 16 e Domenica 17 maggio, Regione Lombardia e AREA Parchi, in collaborazione con il Parco Oglio Sud, la Riserva Le Bine e con il sistema delle aree protette, hanno infatti organizzato il BioblitzLombardia da casa mia, evento virtuale dal terrazzo, dal giardino o sotto casa.

Durante la due giorni sono state caricate da tutta la regione oltre 7600 osservazioni di uccelli, piccoli mammiferi, farfalle, insetti, ragni o anfibi, erbe o fiori spontanei, funghi e licheni, alberi, sulla piattaforma iNaturalist, attraverso la pagina internet o mediante l’app per smartphone. Un team di esperti naturalisti ha seguito i caricamenti per l’intero weekend, facendo gli opportuni riconoscimenti che hanno dato identificato più di 1360 specie diverse tra tutte le osservazioni arrivate.

“Il successo dell’iniziativa bioblitz” dichiara Fabio Rolfi, assessore regionale lombardo all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi Verdi “testimonia come i parchi Lombardi siano sempre fruibili dai cittadini. Rappresentano una fonte straordinaria di biodiversità che la Regione Lombardia intende valorizzare e preservare nel migliore dei modi. Nella fase post Covid i cittadini sanno sempre più alla ricerca di spazi aperti e verdi. Una sfida per tutti anche per far conoscere al grande pubblico l’offerta naturalistica della nostra regione che comprende zone tutelate sotto il profilo ambientale e che possono essere estremamente attrattive anche sotto il profilo turistico”

Il prossimo appuntamento sarà a settembre e si prevede di organizzarlo all’aperto nei parchi in presenza di naturalisti esperti: il successo inaspettato di questo fine settimana farà ripensare a come coinvolgere i cittadini in prima persona non solo nell’utilizzo dei device (smartphone, tablet) ma anche nella modalità di ricerca. Durante questa edizione senza guide sul campo, infatti, i partecipanti sono stati molto stimolati e responsabilizzati nelle osservazioni, possibile spunto per nuovi progetti di educazione ambientale.

Qui i risultati:
https://www.inaturalist.org/projects/bioblitz-lombardia-da-casa-mia

Un grazie va a tutti gli appassionati e ai naturalisti che hanno collaborato alla riuscita dell’iniziativa.