Video sulla biodiversità del Lura ha vinto vari premi

torrente lura estate
Feste di fine anno al parco Lura
6 Maggio 2019
manovre disostruzione
Manovre di disostruzione pediatriche a Cassina de’ Pecchi
8 Maggio 2019
Mostra tutto

Video sulla biodiversità del Lura ha vinto vari premi

Un nuovo riconoscimento è arrivato al video dedicato alla biodiversità del parco Lura, dopo il premio dell’On Air Festival a Sorrento e il premio le alpiriconoscimento dall’Aqua Festival di Roma. Il XXIII  festival  Valsusa Filmfest ha assegnato una menzione nella categoria  “Le Alpi”  con la Motivazione un simpatico richiamo della natura all’uomo in una efficace sintesi. 

Un riconoscimento prestigioso e denso di significato per tutti gli amici e i colleghi che hanno sostenuto il progetto “Una favola per la natura”.

Aqua Festival di Roma è il Festival Internazionale che ha come tema l’Acqua i tutte le sue espressioni artistiche, culturali, ecologiche, scientifiche,  ideato da Eleonora Vallon, che si è tenuto l’11-12-13 aprile alla Casa del Cinema di Roma.

 

Il cortometraggio “Una favola per la natura” dedicato alla biodiversità del parco Lura è arrivato quarto nella categoria ‘Premio Sorella Acqua Miglior Cortino’ con la MOTIVAZIONE

Per averci mostrato mediante una bella fiaba che un altro mondo è possibile. Per la dolcezza delle immagini che raccontano con intuito e leggerezza l’ambiente da salvaguardare e in cui vivono spensierati tutti i suoi abitanti.

Gli autori del cortometraggio “Una favola per la natura”  hanno vinto il primo premio nella categoria Filmaker all’On Air Festival a Sorrento, organizzato dal CMEA (Centro Meridionale di Educazione Ambientale) nel marzo 2019.

Gli autori sono Enrico Bonino e Stefano De Felici che, in rappresentanza dell’associazione DLQ e del collettivo di artigiani digitali Almòst videolab, hanno ricevuto il  primo Premio assoluto della categoria Filmmaker, assegnato dalla giuria composta da 700 studenti delle scuole di Sorrento.

“Una favola per la natura” è un cortometraggio che fa parte di un progetto cross-mediale #aluraparcolura pensato per raccontare ai bambini temi importanti legati alla tutela ambientale e la biodiversità , con un tono delicato che sappia alternare e dosare humor e tecnicismi riuscendo ad attraversare tutti i media (web, tv, cinema, radio, carta stampata).

Il progetto è stato ideato e realizzato con la direzione creativa del regista Stefano De Felici, autore che si è già contraddistinto in questi anni per realizzare opere cinematografiche e progetti cross-mediali con una forte vocazione verso tematiche sociali.

“Dopo aver realizzato il progetto creativo, multimediale e interattivo del Ferrania Film Museum insieme al maestro Enrico Bonino avevo il desiderio di realizzare un progetto che potesse diventare un piccolo museo itinerante, grazie al Patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, la distribuzione e l’ organizzazione esecutiva della Cooperativa Sociale Koinè e la partnership con il Centro per la Biodiversità del Parco Lura siamo riusciti a mettere in piedi un racconto articolato sulla biodiversità che in pochi mesi è già stato esposto in più di 10 Comuni della Lombardia ed ha cominciato un percorso nei festival di Cinema iniziato benissimo con questo 1° premio a Sorrento” ha dichiarato Stefano De Felici.

Una giuria tecnica ha selezionato i 12 finalisti  tra 3.238 cortometraggi  realizzati da scuole e giovani filmmaker, da 14 Regioni d’Italia e da 114 Paesi stranieri. Tra gli ospiti, Maurizio Braucci sceneggiatore del film Gomorra e de La paranza dei bambini con cui ha vinto l’Orso d’Argento al Festival Internazionale del Cinema di Berlino.

Il video “Una favola per la natura” racconta di una città infinita che rischia di soffocare gli spazi naturali col cemento , gli animali sono immobili perchè chiusi in isole ecologiche senza collegamento. Grazie all’ intervento dell’ uomo , l’ acqua ricomincia a scorrere , la natura rinvigorisce e gli animali cominciano a spostarsi, prima singolarmente, poi a coppie, poi in drappelli fino a creare in cielo e in terra dei raduni quasi degni di una migrazione.